(ANSA) – ROMA, 09 APR – “Il Presidente del Consiglio Mario Draghi non ha sbagliato le parole per descrivere le posizioni di un Paese che continua a violare i diritti umani e le liberta’ fondamentali. E’ arrivato il tempo che Bruxelles mandi un messaggio forte e inequivocabile contro la lunga lista di atti discriminatori e persecutori di ogni genere perpetrati dal Governo Turco”. Lo afferma Nadia GINETTI, componente della Commissione politiche dell’Unione Europea e membro del Consiglio di Presidenza del Senato. “Tuttavia – aggiunge – la questione delle ‘poltrone’ da dividere tra il Presidente del Consiglio Michel e la Presidente Von der Leyen dimostra che e’ giunto il tempo che l’Europa rafforzi il proprio ruolo e la sua credibilita’ nei rapporti internazionali. Per questo e’ necessario avere un unico e autorevole rappresentante dell’ Unione e della sua Presidenza. La Conferenza sul futuro dell’Europa del prossimo 9 Maggio puo’ essere una occasione per ripensare alla riforma delle cariche istituzionali e per arrivare ad un unico Presidente dell’Unione europea magari eletto direttamente dai cittadini. Cio’ conferirebbe, senza alcun dubbio, maggiore legittimita’ alle decisioni, migliorerebbe la democrazia nell’Unione e soprattutto rafforzerebbe i rapporti con l’esterno”, conclude. (ANSA).

Categorie: News