PERUGIA – «Oggi è stato incardinato in Commissione ambiente del Senato, nell’ambito dei lavori in tema di rigenerazione urbana, il disegno legge, a mia prima firma nel dicembre 2018, “Misure per la tutela e la valorizzazione delle mura di cinta storiche e relative fortificazioni e torri, dei borghi e dei centri storici”.

Esprimo soddisfazione per l’esame di una proposta su cui avevo lavorato già dalla scorsa legislatura e alla cui costruzione aveva contribuito anche Fiorello Primi, presidente del club dei Borghi più belli d’Italia. In Umbria abbiamo da sempre creduto nell’importanza del recupero di mura di cinta e fortificazioni delle nostre città, in quanto custodi di memoria storica, di identità locali anche al fine di valorizzare tutto ciò che all’interno viene custodito, dal patrimonio culturale ed artistico dei musei, alle tradizioni eno-gastronomiche e tutte le attività turistiche e ricettive connesse. Patrimonio che, se non adeguatamente mantenuto con interventi conservativi, rischia di subire crolli e forme di degrado irreversibili. Mura a difesa anche di uno sviluppo urbano che con tale patrimonio deve fare i conti. Una parte, dunque, importante per la rigenerazione urbana e di spazi che la pandemia da covid ha condotto a rivalutare e ricercare come ambienti ideali non solo da visitare ma dove vivere». Così la senatrice Nadia Ginetti (Italia Viva) a margine della seduta odierna in Senato.

15 OTTOBRE 2020

NOTIZIE.UMBRIA.IT

Categorie: News